Occuprint, posters from occupy moviment

di Redazione

6 marzo 2012

Nel secolo delle immagini in rete, i simboli diventano portatori di identità , narrazioni di percorsi di vita e occasioni continue per  immettere sfoghi creativi nel mondo.
I dissidenti dei vari movimenti mondiali non hanno avuto una bandiera, non ce n’è stato bisogno, ma i simboli sono stati tanti e molti sono stati i creativi che, a suon di immagini, hanno voluto dire la loro.
La maschera del vendicatore V , è stato un simbolo su tutti che ha coperto il volto di molti tra quelli che hanno sfilato in corteo nelle città, la stessa scritta “OCCUPY” si è suo mal grado fatta logo sugli striscioni, le bandiere, i volti e le T-Shirt, così anche per il movimento Toma le calle, indignati ecc…
Qualcuno nella rete, ha pensato di riunire tutte le immagini in una unica agorà.
È così che nasce Occuprint,  una piattaforma che ospita tutte le esperienze espressive che hanno raccontano Occupy  Wall Street.
Mette in comunicazione tutti coloro che hanno lavorato sulle immagini per raccontare il movimento e, come molti progetti  che cercano di offrire servizi gratuiti, lo si può finanziare tramite Kickstarter .
Le immagini che si trovano sul sito possono essere utilizzate a scopo non commerciale, sono scaricabili e acquisibili  a condizione che l’autore venga citato e ne venga esplicitata la proprietà intellettuale.
Occuprint è attualmente curata da Molly Fair, Jesse Goldstein, Josh MacPhee e John Boy, personalità  sempre alla ricerca di nuovi collaboratori, che con questa piattaforma si augurano di poter accrescere la loro rete di artisti.

Comments:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Registrati alla nostra newsletter per avere aggiornamenti editoriali dalla redazione.