creative-code

di Mara Cervelloni

4 gennaio 2012

Se è vero che nulla si distrugge ma tutto si trasforma, tanto di cappello all’ingegno e la creatività che hanno permesso di reinventare i codici a barre.
Quelli che Laundry presenta sono alcuni esempi di reinterpretazione di code ad opera dell’impresa giapponese D-Barcode, specializzata nel design unico di queste opere.
questa espressione giocosa del codice, non solo rende più interessante graficamente il packaging di un prodotto, ma permette di immaginare un anonimo codice a barre come parte integrante dell’identità del marchio che accompagna.  Enjoy! http://www.d-barcode.com/

Comments:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Registrati alla nostra newsletter per avere aggiornamenti editoriali dalla redazione.