Stephanie McMilan

di Enrico Tanno

1 agosto 2011

Stephanie McMilan si occupa dal 1992 di satira politica, ha pubblicato due libri, una comics collection, Attitude Presents Minimum Security, e una graphic novel, As the World Burns: 50 Simple thing you can do to Stay in Denial. Ha creato il format Minimum Security, che pubblica regolarmente su testate come il Los Angeles Times, Yes!Magazine, il San Francisco Bay Guardian, il Sun Sentinel in Florida e su centinaia di siti e riviste. Le sue strip di code green non risparmiano nessuno e seguono attentamente la quotidianità del panorama energetico mondiale, non fermandosi certo alle apparenze. In una vignetta, evidenzia come anche le fabbriche delle super ecologiche pompe eoliche abbiano creato cinque miglia di laghi tossici in Cina, ci racconta dei tagli alla Nasa sulla ricerca ambientale, di come anche agli ecologisti filo hippie piaccia il verde dei dollari e di come Obama forse non è altro che un simbolo rassicurante dietro un paese che difficilmente potrà cambiare rotta dalla sua ambizione imperialistica. In una delle vignette di Stephanie, Zio Sam ci dice che in fondo, se tutti insieme mentiamo, non è mica una bugia. E come dargli torto, è assodato ormai che Orwell ci ha azzeccato in pieno più di sessant’anni fa. La bellezza dei suoi fumetti sta nell’irriverenza diretta e spietata dei personaggi, che il più delle volte contano i dollaroni con un ghigno alla Mr.Burns su uno sfondo di funghi atomici e cani a due teste. Il suo tono non ha nulla da invidiare ai migliori sketch di South park e dei Simpon e basta una sua strip per volerne molte altre.

Comments:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Registrati alla nostra newsletter per avere aggiornamenti editoriali dalla redazione.