Brompton, Bike Lifestyle

di Emanuele Roccucci

1 agosto 2011

Parlando di eco sostenibilità e trasporti, ci sembrava essenziale soffermare l’attenzione su un mezzo di trasporto sempre più diffuso nelle nostre strade: si tratta di biciclette ultrapieghevoli, progettate e costruite interamente in Inghilterra, in una fabbrica appositamente dedicata. Facilmente riducibili a dimensioni minime, rimangono un mezzo efficace, veloce e maneggevole.

Cos’è in effetti una Brompton?

Le Bromtpons non sono soltanto biciclette, ma un marchio affermato a livello internazionale. Avere una Brompton rappresenta un lifestyle ben preciso e dal 1988 queste biciclette hanno fatto scuola nella filosofia e nella produzione. Attualmente la Brompton è nelle mani di Will Butler-Adams, un privato. Andrew Ritchie ricopre invece il ruolo di Technical Director. Andrew è il designer che ha inventato la Brompton e il suo sistema di piega. Sono mezzi concepiti come un oggetto in grado di incrementare l’indipendenza e la libertà delle persone. Questo tipo di bicicletta pieghevole è un mezzo di trasporto definito “intermodale”. Grazie alla velocità di piega (tra i 10 ed i 12 secondi) e il peso contenuto (dai 9 ai 12.5 kg a seconda del modello) è in grado di essere un valido mezzo di trasporto su strada, ma anche estremamente portabile nei mezzi pubblici come bus e metro. Considerando inoltre che non sempre deve essere sollevata (è infatti in grado di essere trasportata come un trolley se parzialmente piegata) è un mezzo estremamente versatile e dal design eccellente.

Come viene prodotta una Brompton?

La maggioranza delle parti di una bicicletta Brompton è realizzata in Acciaio, sia per la durezza che per la resistenza. Innanzitutto, c’è da dire che la Brompton è da sempre stata pensata come una azienda enviromental friendly, ottimizzando le fabbriche, che da sempre sono rimaste in UK e che non si sposteranno da lì, indipendentemente dai vantaggi economici che produrre una bicicletta all’estero (vedi Cina) potrebbe portare. Questo perché la qualità è essenziale nella produzione e nell’assemblaggio delle Brompton. Nel 2007 inoltre, la fabbrica viene alimentata grazie a Ecotricity, una delle più grandi realtà inglesi di Energia Rinnovabile – Eolico, Solare e Idroelettrica (oltre che dal Green Gas – prodotto da alghe e umido). Le emissioni di CO2 nella produzione di una bicicletta Brompton sono estremamente ridotte. Paragonate infatti all’uso di uno scooter, si può affermare che si possano percorrere circa 1553.69 km prima che le emissioni di CO2 siano allo stesso livello della produzione di una singola bicicletta.
Recentemente si è svolta la Brompton Championship Roma, organizzata da bbike – una gara dedicata a chi della Brompton ha fatto la sua quotidianità.

Perché scegliere una Brompton?

Nelle immagini potete ammirare la qualità della bicicletta e di ogni sua parte, non c’è bisogno di aggiungere nulla, le foto parlano da sole. Potete inoltre vedere come la bicicletta sia sostanzialmente personalizzabile in ogni sua parte, nei colori, nel sellino, nelle marce, nella tipologia di manubrio, ecc. Questo fa sì che ci sia una Brompton per ognuno di noi.

[youtube width=”503″ height=”407″]http://www.youtube.com/watch?v=pNnOdoUn3kg[/youtube]

Comments:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Registrati alla nostra newsletter per avere aggiornamenti editoriali dalla redazione.