Cos’è LIME ?

di Davide Pellegrini

30 aprile 2011

Cosa è Lime

Lime è lo spaccato dei tempi.
Sullo sfondo di una città sempre più maghrebina e mediorientale (potrebbe essere qualsiasi città italiana), un pugno di personaggi estremi vive le proprie storie alla ricerca di una persona scomparsa.
L’idea, proprio come l’Harry Lime interpretato da Orosn Welles, è che questi personaggi siano in cerca di un qualcuno di cui si parla sempre e non si vede mai, qualcuno che funziona un po’ come una redenzione mancata, come una salvezza impossibile, qualcuno buono con tutti, ma fondamentalmente inesistente, senza vita, carattere o personalità. La persona scomparsa è un buon proposito, quando si nomina tutti sospirano, ma nessuno ne commenta alcun aspetto mortale, reale.

La persona scomparsa è Lime.

I personaggi

Dominick Canziani – esteta, vizioso, colto e narciso. Un chirurgo plastico che ha sposato l’arte e la mondanità fondendole con la vita. È il primo chirurgo plastico cubista.

Malva AAron – lavora come sparring nei gang bang. Insomma, “riscalda” i partecipanti. Non si vede mai durante l’atto, ma si allude sempre a una conclamata fase sessuale quando appare… lavora per mantenersi in un secondo lavoro di volontariato per non-vedenti.

Grabo – un ragazzo che è un po’ il collante della vicenda, gira dappertutto in cerca di lavoro. I suoi spaccati riguardano colloqui assurdi con potenziali datori di lavoro completamente pazzi. Troverà un impiego temporaneo come “meditor”, chiuso in una stanza buia a guardare una parete scura. Il meditor è colui che sa e a cui nessuno  domanda, colui che solo se fosse interpellato direbbe qualcosa destinato ad aprire un varco di senso nel cosmo. Se solo fosse interpellato, ma non lo è mai… insomma, un lavoro di merda.

Saul Gorky – vecchio, cattivo, ricchissimo, faccendiere. Famoso per i suoi motti non-sense, un po’ gitano, un po’ caminante. Il più delle volte è alle prese con Grabo, di cui diventerà una specie di padre putativo, di Caronte nel fiume melmoso della vita.

Lo scenario attorno

Alla ricerca di Lime. Un paesaggio umano grottesco e un linguaggio che mescola citazionismo, riferimenti del cinema e dei cartoons, cultura d’elite e mainstream ::::
Lime offre lo spunto a una riflessione. LA VITA È UN PURO NON-SENSO?

Scritto e ideato da: Davide Pellegrini :: Disegni: Enrico Tanno



Comments:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Registrati alla nostra newsletter per avere aggiornamenti editoriali dalla redazione.